Feed RSS

Archivi categoria: Recensioni

RECENSIONE #23 – BARBARA BOLZAN

Buongiorno ISOLANI e bentornati all’appuntamento preferito di autori e lettori, oh sì miei cari avete letto bene. Finalmente è il nostro turno nel epico viaggio che la  #delraiedizioni sta compiendo insieme a Barbara per il suo libro.

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia #Delraiedizioni #Rewiesparty

21371145_115989495744933_3933526888090534778_n

DAL 28/09/2017 33 BLOG IN 33 TAPPE DARANNO IL VIA AL REVIEW PARTY CON 33 RECENSIONI NON PERDETELE 

 

21231842_114358159241400_7696473864562047049_n Titolo: Deception

Autrice: Barbara Bolzan

Serie: Rya Series volume 4

Casa Editrice: Delray Edizioni

Genere: Distopico

Data di pubblicazione: 28 settembre 2017

Sinossi:
Rya torna al proprio passato e guarda al futuro con occhi diversi. In lei si mescolano dubbi e incertezze: gli equilibri di potere in Idrethia sono cambiati e nessuno può più garantirle protezione. La principessa di Temarin deve sopravvivere e lottare ancora per difendere se stessa e la propria dignità. L’amore è una scelta, non un sentimento; l’amore non rende liberi, ma appaga desideri altrui a cui lei non può sottrarsi, se lo scopo è il ritorno a corte.
Il prezzo da pagare, però, è alto quando si soffocano le vere emozioni. Il ritorno dell’uomo che Rya ama le sconvolgerà la vita, già difficile, e farà riaffiorare difficoltà prima sopite, sensazioni di un viaggio lontano, mai sbiadite, che con violenza tornano allo scoperto.
Il terzo romanzo della Rya Series, dove verità inaspettate si mescolano a intrighi e vendette, e la sincerità di ognuno è messa in discussione. Di chi puoi fidarti quando in gioco c’è la tua stessa vita? Per quanto tempo si può vivere nella menzogna?

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro in una parola sarebbe: sopravvivenza.

“Non avrei dato a nessuno la soddisfazione di vedermi annientata.”

Questa frase estratto è perfetta per iniziare la recensione di un libro che ho amato e letto davvero con avidità.

Avevamo lasciato Rya, in Sacrifice, provata nel corpo e nello spirito, con il cuore indurito dalla paura e dai soprusi subiti all’interno del bordello di Mama, ma ugualmente piena di speranza e con finalmente la possibilità di realizzare il proprio futuro come regina di Idrethia.

La ritroviamo combattiva in Deception, decisa a non farsi annientare dal dolore, dalla sofferenza, disposta a tutto per amore, anche a scendere -ancora!- a compromessi con la propria famiglia, i Niva.

(Quanto ti odio Strevj…)

Volete sapere perché ho scelto sopravvivenza come parola riassuntiva?

Perché Rya deve – e vuole – combattere per sopravvivere a una famiglia che fa di tutto per soverchiarla, partendo da una sorella che continuerà a rinfacciarle ogni cosa.

«Nella tua vita» ha detto «non hai fatto altro che sbagliare. Guarda ora le conseguenze!»

Passando per Strevj, il borioso cognato e cugino, che pretenderà da lei le solite menzogne per andare avanti e arrivare in alto, anteponendo sempre e in ogni caso l’ambizione dinastica e personale ai reali desideri di Rya.

(Strevj, stai sbagliando strada!)

«Non dimenticare mai chi sei e sorridi.» Mi sfiorò il mento costringendomi a sollevarlo, per evitare che quelle rimanessero solo parole. «Sei la principessa di Temarin, eri la signora di Idrethia, la regina. Continua a comportarti come se lo fossi.»

Il nuovo matrimonio, che all’inizio sembra giungere salvifico per risollevare le sorti di Rya, si rivela una prigione di angoscia e terrore.

Il matrimonio è uno stupro che la legge non punisce.

Queste sono le parole estreme di una Rya che ancora una volta deve lottare con le unghie e con i denti per non perdere se stessa.

Non dimenticare mai chi sei, anche quando scopri di essere meno di niente.

In Deception troveremo un tema importante, quello della violenza sulle donne, trattato dal punto di vista della vittima, di una donna pertanto non totalmente innocente, che ha sposato per interesse l’uomo dei sogni, l’uomo che spergiurava di amarla, l’uomo che era dolce e gentile e che per lei avrebbe rovesciato il mondo intero.

Un calcio nel fianco sinistro. All’inizio, non sentii nemmeno male. Fu solo incredulità. Poi, il dolore arrivò. Tutto in una volta. Un altro conato mi riempì la bocca di acido. Tentai ancora di rialzarmi. E un secondo calcio mi colpì la coscia.

Era mio marito, che torreggiava su di me.

Era mio marito, il che era brutto.

Era l’uomo che mi aveva amato, il che era anche peggio.

È una vertigine, un ingresso nelle profondità psicologiche di un personaggio dalle mille sfaccettature: una donna che non si arrende, che arriva a mentire e a uccidere pur di salvare se stessa e le persone che ama.

È un trascinarsi nella colpa, fino al momento estremo.

E Nemi… cosa posso dirvi di lui? Lo abbiamo aspettato, desiderato, sognato; in Sacrifice, a un certo punto, abbiamo creduto alle parole di Blodric e abbiamo quasi pensato fosse morto.

Ma Nemi non può morire. Perché questa è la sua storia. Perché ha un segreto da svelare. E perché è lui, sempre, l’uomo all’inizio e alla fine di tutto.

Il finale ci giunge inaspettato, come ogni testo di Barbara Bolzan, autrice capace di creare intrecci bellissimi, farci attaccare alle pagine dei suoi libri fino alla fine e poi volerne ancora, ancora e ancora.

Come sempre Barbara Bolzan è una certezza e ogni suo libro un acquisto azzeccato.

Deception ne è l’ennesima conferma.

Ve lo consiglio

E NOI VI RICORDIAMO CHE NON FINISCE QUI! A DICEMBRE ESCE AWAKEN E IL REWIES PARTY  CONTINUA!

Annunci

RECENSIONE #22 – NORA

Buongiorno ISOLANI e bentornati all’appuntamento preferito di autori e lettori, oh sì miei cari avete letto bene. Finalmente il nostro staff si è riunito e ha letto qualcosa di nuovo per voi!

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia

NORA

di 

GIACOMO FERRAIUOLO

 

thumbnail_21459952_10154677306191513_1417350663_o.jpgTITOLO: Nora

AUTORE: Giacomo Ferraiuolo

GENERE: Horror

PAGINE: 173

EDITORE: Dark Zone

Disponibile in ebook e cartaceo

PREZZO: 0,99; 12,90

LINK: ebook https://www.amazon.it/Nora-Giacomo-Ferraiuolo-ebook/dp/B071H6ZFVY Cartaceo http://www.dark-zone.it/prodotto/nora/

TRAMA: Tutto ha inizio con la morte.

Un omicidio irrisolto, una donna rinchiusa in un ospedale psichiatrico.

Nora, prigioniera della sua stessa mente cerca di essere libera da un passato macchiato di sangue che non riesce a dimenticare. Troverà nell’infermiere Christian un amico fedele a cui confidare l’orrore celato nel profondo.

Un orrore che striscia ancora tra le ombre della casa di Nora. Un orrore che cerca di uscire da quelle mura.

Nessuno è più al sicuro. Lei li aveva avvisati.

Sarà compito di Christian scoprire cosa c’è di vero nelle farneticazioni della donna e cosa è invece frutto della follia.

Cos’è successo veramente a Nora in quella casa?

È possibile conoscere fino in fondo chi ci sta attorno?

Una storia di pazzia e dolore, di morte e paura, che porterà a una verità ancora più cupa e terribile.

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro in una parola sarebbe: paura.

Il passato diventerà presente e il futuro si macchierà del passato.

Un passato tormentato e un presente altrettanto doloroso. È questo ciò che fa più paura in Nora.

Le percosse subite dalla donna da un marito troppo cattivo; delle vicine pettegole che sanno prendere di mira solo lei; il passato da donna facile lentamente la fanno allontanare dalla realtà.

Le voci reali, quelle delle persone attorno a lei, diventano irreali, nella sua mente, facendola impazzire.

Quelle voci, però, non sono frutto della sua mente…

Devi fuggire! Lo senti questo presentimento che ti si sta insinuando fin dentro le ossa? Ti scuoteremo! E siamo in tanti!

Nora è un libro che ti scuote dentro, per i temi che tratta, per come l’autore sa ricamare con le parole, facendo salire dentro al lettore l’ansia, il terrore…

Quelle voci sono reali, ma chi sono?

E tu, lettore, spegni le luci.

Consigliato? Assolutamente sì!

 

 

Recensione #21 – Il nostro amore non fa rumore

Buongiorno ISOLANI e bentornati all’appuntamento preferito di autori e lettori, oh sì miei cari avete letto bene. Finalmente il nostro staff si è riunito e ha letto qualcosa di nuovo per voi!

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia

IL NOSTRO AMORE NON FA RUMORE

di 

LUCIA TOMMASI

51ubIevkvSL._SY346_Titolo: Il nostro amore non fa rumore

Autore: Lucia Tommasi

Editore: self

Genere: romance

Formato: ebook

Prezzo: 0,99

Sinossi:

In una tranquilla vigilia di natale, Mya non ha idea di come cambierà la sua vita e la sua relazione con Carter, un ragazzo affascinante e di buona famiglia, ma con un carattere pessimo. Quella fatidica sera incontra Deran il collega di suo fratello Mason, dal fascino ribelle, scontroso e tormentato. L’alchimia tra i due è forte, cosa che le fa mettere in dubbio tutta la sua vita da un giorno all’altro.
Deran è un poliziotto con tanti problemi e dipendenze, ma sa che non può fare a meno di lei, anche se rischia di plagiarla.
Non appena i suoi occhi si posano su Mya si sente perso, il suo cuore si stacca dal petto. Vuole lei.
Mya è combattuta. Da un lato ha un uomo ricco e potente, dall’altra un semplice poliziotto testa calda, che la mette ogni volta nei casini.
Cosa farà Mya?
E soprattutto cosa succederà quando lo scopriranno il gelosissimo Mason e il violento Carter?

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/nostro-amore-non-rumore-ebook/dp/B07469DNRM/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1506327433&sr=8-1&keywords=l+nostro+amore+non+fa+rumore

***

COSA NE PENSIAMO?

Lungo circa 170 pagine e letto in due giorni.
Narra la storia di una donna di poco più di vent’anni contesa da due uomini, l’uno il suo attuale ragazzo e l’altro il migliore amico di suo fratello che tra ripensamenti, bugie, misoginia e codardìa (perché erano ben presenti anche questi due ultimi elementi), l’autrice ci porta in una città americana della Florida, Miami, per farci vivere sia dal punto di vista di Mya, la protagonista, che di Deran, la loro focosa storia d’amore.
Lo stile narrativo è troppo veloce e a mio parere incompleto.
L’autrice racconta troppi elementi, tralasciando dettagli a mio dire importanti (come il passato di Deran di cui non se ne fa cenno fino alla fine) come se in un racconto non lunghissimo, volesse inserire “colpi di scena” per accentuarne la drammaticità e in qualche modo “giustificare” determinati atteggiamenti dei personaggi .
Tratti crudeli, misogini o addirittura bipolari da parte di qualcuno di essi ( come il fratello di Mya che cambiava atteggiamento nei confronti degli altri da un rigo all’altro) rendevano il personaggio non credibile e spesso irritante.
E’ un libro che consiglierei “sotto l’ombrellone” (o visto che è ambientato a Natale davanti al camino) e con la voglia di leggere qualcosa di non
impegnativo.

RECENSIONE #20 – Times Infinity

Buongiorno ISOLANI e bentornati all’appuntamento preferito di autori e lettori, oh sì miei cari avete letto bene. Finalmente il nostro staff si è riunito e ha letto qualcosa di nuovo per voi!

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia

TIMES INFINITY

di 

FRANCESCA PACE

thumbnail_Times-infinity-copertina Titolo: Times Infinity

Autore: Francesca Pace

Editore: Bakemono Lab

Genere: narrativa

Formato: cartaceo

Prezzo: 12,00

Sinossi:

Dopo uno spaventoso incidente Petra si risveglia nel letto di un ospedale, confusa e con il cuore schiacciato dall’ansia. Desidera riabbracciare la sua migliore amica Chiara, con lei nello schianto e della quale non ha notizie. Inseguendo questa necessità viene fagocitata, suo malgrado, da un tortuoso labirinto di ricordi e rivivendo i momenti più importanti della sua vita, arriverà a conoscere la verità.

Link d’acquisto: https://www.bakemonolab.com/prodotto/times-infinity/

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro in una parola sarebbe: forza.

“Times Infinity” è il primo libro che leggo di quest’autrice e, nonostante sia passato un mese e più da quando l’ho letto a questa recensione, nel ripensarci mi emoziono ancora.

Petra e Chiara sono due grandissime amiche, quasi due sorelle d’anima oserei dire… due ragazze che sono legatissime e attaccate da qualcosa che è molto più di un semplice affetto.

Un giorno però tutto cambia.

No, tutto si rafforza. Nel momento peggiore però, in quello più brutto e duro.

Un incidente stradale le vedrà coinvolte, e lì cambiano le cose.

Sarà Petra a raccontarci, attraverso i suoi occhi, la bella amicizia con Chiara. Vedremo dei momenti importanti nel loro rapporto. Tutto, però, si dissolverà poco dopo…

In quel letto d’ospedale Petra vuole abbracciare l’amica ma qualcosa la frena, la ferma, la blocca in quello che molti chiamano destino.

Ho scelto la parola forza perché, pagina dopo pagina, si legge quella di Petra e Chiara che hanno nella vita, la forza di lottare.

Forza che viene trasmessa anche a noi, dandoci la spinta per non arrenderci mai perché la vita è un soffio…

Consigliato, sì!

Recensione #19 – Quarzo: la leggenda del sangue di drago

Buongiorno ISOLANI e bentornati all’appuntamento preferito di autori e lettori, oh sì miei cari avete letto bene. Finalmente il nostro staff si è riunito e ha letto qualcosa di nuovo per voi!

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia

ANDREA RIGHI

in

“QUARZO”

thumbnail_21458671_10214398997038898_105676051_o TITOLO: Quarzo: La leggenda del sangue di drago

AUTORE: Andrea Righi

GENERE: fantasy thriller

PAGINA: 396

EDITORE: self

Disponibile in ebook (cartaceo in arrivo)

PREZZO: 1,99

LINK: https://www.amazon.it/dp/B075FK2J7M

Trama:

Il passato è un filo che non vediamo, un filo che ci lega indissolubilmente anche al nostro futuro.

Immaginate un paese, la sua storia misteriosa e dimenticata, immaginate che improvvisamente riaffiorino misteri tenuti nascosti dal tempo, immaginate…Paludi, boschi e mulini, un castello, una ragazza in fuga…immaginate un presente che non accetta di slegarsi da questa storia, un antico patto di morte tra il bene e il male, una battaglia rimandata nei secoli, una storia giunta all’epilogo.

Ora guardate le campagne, le case, guardate la gente che avete attorno.

Nell’abitato di Manzolino, sito nelle campagne tra Modena e Bologna, si scatena la furia omicida di un pazzo. Attorno ad essa si muovono Francesco “Cisco” Ferrari, un ex poliziotto scontroso e solitario, Angelo Scalzi, un ispettore metodico, e le persone comuni che, passivamente, partecipano e osservano.

Ritorna Cisco e lo fa in grande stile, con una indagine che andrà oltre ogni sua e ogni vostra aspettativa.

Un romanzo che parla di cosa c’era, di cosa c’è, e di qualcosa che non vediamo ma ci segue in ogni momento senza farsi scoprire. Un romanzo che scoprirete pagina dopo pagina così come crescendo avete scoperto voi stessi, perché in questa vicenda chiunque potrebbe essere protagonista.

Anche voi che leggete, inconsciamente, verrete rapiti, senza rendervene conto… per gioco o forse chissà…

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro in una parola sarebbe: magico.

Magico l’autore che ha saputo combinare con maestria il fantasy con il thriller.

Magico il tema trattato: il viaggio dell’anima attraverso i secoli.

Quarzo è un libro che mi ha tenuta incollata alle pagine fino alla fine da quanto la narrazione è incalzante e capace di intrippare.

Può, un’anima viaggiare per secoli? Può essere destinata, quell’anima, a compiere un destino scritto moltissimi anni prima, in un’altra vita?

Lei soffre, tu soffri. Lei muore, tu muori.

Due anime legate da qualcosa di molto più forte della magia: L’amore.

È questo il fulcro di Quarzo…

Non è facile fare una recensione a questo testo senza rischiare di cadere negli spoiler e rovinarvi le sorprese, i colpi di scena, le avventure di Goor e Adele, di Cisco e Laura.

Chi sono? I protagonisti principali, i primi due del passato, gli altri due del presente.

Unici denominatori sono una spada, una gemma di quarzo e un drago.

Ve lo consiglio davvero.

Recensione #18 – Demoni, il viaggiatore dei sogni

Buongiorno ISOLANI e bentornati all’appuntamento preferito di autori e lettori, oh sì miei cari avete letto bene. Finalmente il nostro staff si è riunito e ha letto qualcosa di nuovo per voi!

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia

LARA NEMAIN

in

“DEMONI – IL VIAGGIATORE DEI SOGNI”

 

thumbnail_CopertinaDemoni.jpg Titolo: Demoni – Il viaggiatore dei sogni

Autore: Lara Nemain

Editore: self

Genere: fantasy

Formato: cartaceo e ebook

Data di pubblicazione: 20 agosto 2017

Prezzo: 2,99 l’ebook, 10,40 il cartaceo

Link: https://www.amazon.it/Demoni-viaggiatore-Sogni-Lara-Nemain/dp/1522093087/ref=pd_rhf_gw_p_img_14?_encoding=UTF8&psc=1&refRID=PM1F24Z6XQJZY2CXYD8F

Sinossi:

Nelle pianure la vita è regolata dal volere degli sciamani: sono loro che possono entrare in contatto con gli spiriti e modellare la magia, ma unicamente a patto di aver stretto il legame con un Don’ha. Quando Anak diventa sciamano gli Dei del Popolo gli mandano un viaggiatore dei sogni, Marco, che però non accetta quella vita: vuole solo tornare nel suo mondo, nella sua città. Loro due sono, però, gli unici in grado di proteggere non solo il clan, ma l’intero Popolo delle Pianure dalla minaccia profetizzata dagli Anziani. Il male incombe dai Cento Regni, da quelle terre dove la magia è differente e innaturale, dove loro saranno a rischio a ogni passo, mentre l’ombra dei clan ribelli, alle loro spalle, insidia ogni loro mossa. Contiene scene forti M/M

Pagina FB: https://www.facebook.com/nemainnstorie

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro in una parola sarebbe: epico.

Finalmente siamo riusciti a leggere un nuovo libro di questa autrice che fin dal suo esordio ci ha abituato con ambientazioni e scene belle forti. Perché dunque partiamo con l’aggettivo epico?

Semplice, siamo portati a pensare ce questa trilogia (questo è il primo di tre volumi) ci porterà a viaggiare parecchio in questo Mondo inventato e ci trascinerà in una strepitosa avventura insieme a Marco.

Chi è Marco? Una povera vittima, o meglio il protagonista di questa storia che lo accoppia con Anak. Scusateci la battutaccia, ma abituate come siamo alle storie di Lara, non ci aspetteremo mai rose e fiori  tra  i suoi due amanti… anzi!

La mano di Lara, la ricerca che c’è dietro per ogni singolo dettaglio, le descrizioni centellinate e i luoghi così crudi e realistici, sebbene l’ambiente sia di stampo medievale e antico, non certo moderno, si fanno sentire. Certo, i sentimenti che legano Anak e Marco non sono da meno, l’ultima scena, così dolorosa, ti lascia milioni di dubbi e un fortissimo dolore al petto.

Vorresti telefonare all’autrice sommergerla di insulti per aver troncato la storia proprio in quel punto e allo stesso tempo farle milioni di domande e costringerla a darti il resto subito. Ma non si può, o meglio, su Fb Lara è attivissima e disponibile, ma è anche brava a non rivelare nulla troppo in anticipo e tu lettore soffri tanto per questo. Soffrirai!

Questo è il caso in cui siamo troppo emozionati per darvi dei  lati negativi, o forse aspettiamo il seguito per chiarirci le idee su moltissimi punti, che è uno dei grandi problemi dei romanzi a puntate. Nel primo libro assaggi la storia, inizia a conoscere i vari personaggi principali, la pianura e i regni di cui è composta, le leggi magiche e politiche, la storia che c’è dietro, MA è dal secondo in poi (e per nostra fortuna sono solo 3 in tutto) che si rivela il bello.

Noi in super anteprima vi possiamo dire che il numero due uscirà a fine gennaio 2018, ma non sappiamo altro e quindi vi consigliamo fortemente di dare una possibilità a questa storia, soprattutto se siete amanti del fantasy e non vi creano problemi le scene belle forti, di quelle che dopo ti devi fermare e pensare “Ma che cavolo!”, e vi ricordiamo che è un MM, quindi  l’amore è tra due personaggi maschili… leggetelo fidatevi!

 

Recensione #17 – Come una fenice

Buongiorno ISOLANI e bentornati all’appuntamento preferito di autori e lettori, oh sì miei cari avete letto bene. Finalmente il nostro staff si è riunito e ha letto qualcosa di nuovo per voi!

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia

L. CASSIE

in

“COME UNA FENICE”

 

1216697_copertina_frontcover_icon140Titolo: Come una fenice

Autore: L.Cassie

Editore: in gara per il concorso il mio esordio

Genere: romance

Formato: cartaceo

Prezzo: 15,00

Link: http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/342286/come-una-fenice-7

Sinossi

Dafne Ranieri si è laureata in lingue, ma a causa della crisi economica, che regna sovrana sul territorio italiano, non riesce a trovare alcun tipo di lavoro, nemmeno una piccola occupazione che possa tenerla lontana dalle mura domestiche nelle quali da sempre regna il caos. Così, senza pensarci troppo, decide di dare inizio a un nuovo capitolo della sua esistenza andando a fare la ragazza alla pari nella storica Berlino, lasciandosi alle spalle ogni sorta di problema e preoccupazione. Andreas Hoffman è il ragazzo senza speranza, il ragazzo arrabbiato con il mondo intero, chiuso nel suo tunnel buio dal quale non riesce a uscire. Ma poi intravede una luce, una figura dai capelli lunghi, la pelle candida e… l’accento italiano. E tutto sembra tingersi di un altro colore. Resta solo un problema da risolvere: Andreas non può più innamorarsi, una promessa lo lega ancora a una certa Sophia.

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro in una parola sarebbe: riscatto.

Abbiamo avuto la fortuna di poter leggere questo romanzo in anteprima e siamo davvero contenti che i nostri amici autori ci contattino anche per recensioni di questo tipo; come abbiamo scritto qui sopra, infatti, questo romanzo è stato messo in gara per il concorso “il mio esordio”. Lo scriviamo qui perché se lo cercate lo trovate solo lì per il momento.

Ora passiamo alla recensione vera e propria, abbiamo tantissimo da dirvi su questa storia, partiamo dai lati che ci sono piaciuti: l’idea di base di questo romanzo, esattamente come suggerisce il titolo, è la rinascita, la crescita e la “resurrezione” dopo un passato poco felice. Caratteristica che accomuna, anche se in modo diverso, entrambi i protagonisti: Dafne e Andreas.  Ovviamente non ci spingiamo a dirvi che tipo di difficoltà hanno subito i due, vi basti sapere che, dopo il loro primo scambio di sguardi, per loro inizia quello che l’autrice vorrebbe far passare come periodo di transito per la rinascita. L’amore salva il Mondo, ci salva dal nostro mondo. 😉

La trama dunque ci è piaciuta per i presupposti, per la modernità e anche per la voglia di scovare un’ambientazione diversa. Dafne è un’italiana, come tantissime di noi, che sceglie di andare all’estero. Brava Dafne, coraggiosa! Un punto a suo favore.

Oltre a lei ci sono altri personaggi che sono riusciti ad attirare la nostra attenzione in positivo: primo tra tutti Roman, no, non il protagonista maschile, ma il fratellino minore allegro e chiacchierone e la sua mamma, la signora Hoffman. Due personaggi secondari ma molto bene delineati e con caratteristiche che li distinguono dalla massa.

Cosa ci è piaciuto oltre a questo? La capacità dei protagonisti principali di ritrovarsi e di combattere per essere felici. Un messaggio bello e chiaro che traspare dalle righe di questa storia d’amore.

Ora passiamo alla parte dolente:  i punti deboli di questo scritto. Noi siamo soliti glissare su certi aspetti il più delle volte, ma ci è sembrato doveroso dare un sincero consiglio all’autrice. (Non avercela con noi!) Questo libro merita tantissimo, è una buona idea con delle ottime basi, MA ahi noi si vede troppo che l’autrice L. non ha esperienza di editing e che, forse per poco tempo a sua disposizione, non ha avuto la possibilità di usufruire di un beta o di una figura professionale che l’aiutasse con lo stile. Il testo infatti è davvero infarcito di tanti errori che una buona rilettura esterna con un occhio allenato e non emotivo, come quello di qualsiasi scrittore sul proprio libro, sarebbe in grado di eliminare.

E di congiunzione con l’accento e verbi essere senza, parole attaccate che andrebbero staccare e periodi un po’ troppo lunghi e articolati, fanno si che dopo circa un centinaio di pagine un buon lettore si stanchi e ponderi di chiudere la lettura, perdendosi il meglio.

Oltre a questo, forse per l’intenzione di parlare non tutto in una volta, ma in piccole dosi, del passato di Dafne, l’autrice è spesso ripetitiva su alcuni concetti come l’amore che ha verso la madre, e si dimentica di raccontarci o darci un indizio sul resto dei suoi famigliari fino all’unica scena in cui è costretta. Ad un certo punto, dopo più di metà libro infatti il fratello di lei si ammala e lei deve tornare e solo al suo ritorno scopriamo cos’ha questo personaggio di grave, nonostante Dafne ce ne parli fin dalle prime righe.

A noi è dispiaciuto questo dettaglio, parlarne avrebbe reso il romanzo ancora più moderno e realistico.

Il finale ci è piaciuto, nonostate non sia dei più innovativi, ma dopo tutto stiamo recensendo un romanzo d’amore non ci aspettavano niente di meno.

Quindi il nostro consiglio finale è di leggerlo, ma soprattutto AUTRICE ti preghiamo, rileggilo con calma e fallo editare, non sprecare un bel romanzo così per quei quattro errorini presenti.

 

La Corte

Le mie storie

IL MONDO DEGLI M/M BLOG

Crederci sempre, arrendersi mai.

AntonellaP❤

"E se la vita corre allora corro anch'io fino a che mi fermerà un giorno qualche dio"

luisadautoremm

Credi sempre in te stesso, non arrenderti mai!

Raynor's Hall

Il Sito del Circolo di Scrittura Creativa Raynor's Hall

il mondo di giovanna

La storia e i suoi segreti

Anime scritte nellorizzonte

"Il buonsenso è principio e fonte dello scrivere", Orazio.