Feed RSS

Intervista #28 – Daniel Di Benedetto

#VenerdìIntervista #Intervista #Venerdì #LeggiamoItaliano #SkyeConsiglia

Bentornati amici e amiche al venerdì in cui sfidiamo voi autori a mettervi in gioco con le nostre domande. Questa volta tocca a un nostro speciale nuovo amico 😉

DANIEL DI BENEDETTO

Ciao Daniel, benvenuto sull’isola di Skye. Grazie per averci dato l’occasione di conoscerti e porgerti qualche domanda. Iniziamo…

– Chi sei?– Mi chiamo Daniel Di Benedetto

Quando te lo si chiede tu dai una risposta standard. Se dovessi osare, che cosa risponderesti a noi? Sono una persona che non si accontenta di apparire ma vuole essere. E per farlo, ho provato la strada più difficile. Scrivere.

La tua paura più grande in questo momento qual è? Non fare in tempo… in generale…

Descrivi te stesso attraverso:

un colore: azzurro

un profumo: quello della pioggia

un fiore: una primula

un animale: gatto, o comunque un felino

un luogo: montagna, ovunque

un libro: Jack Frusciante è uscito dal gruppo

una canzone: Ho perso le parole

Ti è mai capitato di attraversare un periodo in cui ti sentivi smarrito? Come hai fatto a superarlo? Ci sono stati e ci sono tuttora momenti di difficoltà. Esaurimento nervoso. Paura di uscire di casa. Si supera convincendosi di valere molto di più se non ci si isola e si combatte.

La tua vita reale, il tuo lavoro, i tuoi passatemi e la tua famiglia come influiscono sulla tua scrittura? Mi lasciano pochissimo tempo, sommato alla mia pigrizia e al mio essere ipercritico tutto ciò non aiuta

Chi ti sta intorno conosce questo tuo lato? Come si approcciano con il te scrittore? Cercano di lasciarmi perdere

Se potessi parlare con il te stesso del passato, quanto indietro andresti e cosa gli diresti? “Non è colpa tua… non puoi controllare tutto. Prova a essere felice”

Spesso nella scrittura c’è un’impronta che ci distingue dalla “massa”. Nella tua quale pensi sia? Il cercare di entrare nella psicologia dei personaggi e raccontarli attraverso le loro emozioni prima ancora che attraverso i fatti

Quello che hai scritto fino a oggi, ha un filo conduttore? Cosa accomuna tutte le tue opere? Il senso della scelta. Compiuta o meno, implica un processo di azione/reazione del tipo “Cosa sarebbe successo se…”

Dopo aver pubblicato, che progetti hai? Altre storie… prima o poi.

Sei un lettore? Quali generi prediligi? Lettore di gialli, polizieschi e di tutto ciò mi possa regalare un’emozione.

C’è un libro che rileggeresti mille volte? Io Uccido di Faletti e tutti i libri di Manzini riguardanti Rocco Schiavone

Ti viene chiesto di incoraggiare un autore a diventare self… cosa gli diresti? Devi farti un culo a capanna e pensare a tutto… ma se ritieni la storia sia valida e ne valga davvero la pena, buttati.

Un argomento spinoso attuale è l’uso di uno pseudonimo per pubblicare un genere diverso. Tu lo faresti? No.

Hai trovato la leggendaria Lampada Magica. Quali sono i tuoi tre desideri? Salute per mia figlia. Serenità per le persone a me più care. E Inter in serie B (mi è scappata…)

Che rapporto hai con gli animali? Con la mia gatta ottimo…

 

Adesso parliamo un po’ del tuo libro…

Titolo: Waiting

Genere: narrativa emozionale

Pagine: 125

Formato: digitale e cartaceo

Dove lo si può acquistare (links): www.dark-zone.it; https://www.amazon.it/dp/B072PTLM8J/

Dicci in non più di dieci righe di cosa parla.

Tutti siamo in perenne attesa. Qualcosa che potrebbe accadere. Qualcuno che deve arrivare o partire, magari per sempre.
Una vecchia panchina di legno, all’ombra della grande quercia in un parco comunale, è il palcoscenico delle storie che si muovono capitolo dopo capitolo.
Un susseguirsi di personaggi che si incontrano, si sfiorano, si sfuggono, rappresentano le varie fasi della vita e le diverse sfumature dell’attesa.
Una storia dall’andamento circolare, che si svolge nell’arco temporale di una settimana e che vede il suo inizio e la sua fine tratteggiati dagli stessi occhi innocenti, quelli di una bambina in attesa del ritorno del padre.
Un sorriso, una carezza, un’assenza, un dolore. C’è spazio per ogni emozione, seduti giorno dopo giorno su quella panchina.
Oggi verso il domani, semplicemente aspettando…

Com’è nata l’idea che ha dato vita a Waiting? Dall’idea dell’aspettare. Tutti aspettano, sempre. Anche quando non lo si ammette

Com’è nato il titolo? Semplicemente ragionando sull’attesa, ma non ho voluto scrivere Aspettando, non mi suonava altrettanto bene

Perché la gente dovrebbe leggere il tuo libro e, come pensi che questa storia possa cambiare il mondo e le persone? Non cambierà nulla e nessuno. E’ un libro, è una storia e in quanto tale va presa e “vissuta” così com’è… semplice e diretta… immergendosi nelle pagine che possono trattare di ciascuno di noi

È il tuo libro di esordio o hai già pubblicato qualcos’altro? Con a DarkZone edizioni è il secondo libro, il primo è un noir breve dal titolo Per Non Perderti. Inoltre ho scritto una raccolta di racconti in self dal titolo Petali di Spine e una silloge poetica con la splendida autrice marchigiana Eleonora Monti, dal titolo Segreti oltre lo specchio

Perché proprio il genere narrativa emozionale? le storie si narrano… sono fatte per essere raccontate…

Il personaggio principale di Waiting è ? È un essere umano o una creatura fantastica? Descrivicelo con 3 aggettivi. Non ci sono personaggi principali nei miei libri, amo le storie corali…e Waiting non fa distinzione. C’è un personaggio che torna più volte. Una bambina, Giulia, che attende il ritorno del padre.

Durante la trama di consuetudine che il protagonista evolva. Se lo fa, in che modo avviene? Avviene contestualizzando l’attesa in un percorso di crescita personale

Vive una storia d’amore? L’amore genitori/figli di norma è molto importante

Se una mattina lui/lei si svegliasse del sesso opposto quale sarebbe la prima cosa che farebbe? mah

Se si svegliasse animale (o se è un animale se si svegliasse uomo) cosa sarebbe e come reagirebbe? Sarebbe il gatto Rufus

Quale sarebbe la prima cosa che ti direbbe se vi incontraste faccia a faccia? Ciao, tu sorridi come il mio papà

Perché hai scelto di ambientare la tua storia proprio in un parco? Ho ambientato la mia storia in un parco comunale, senza dare troppe connotazioni. Ognuno di noi ha un posto proprio dove immaginare la presenza della panchina all’ombra della quercia

Oltre a scrivere, ti sei cimentato nella promozione da solo? Hai fatto il book trailer, delle immagini con degli estratti, delle card o un blog tour? Immagini con estratti, cards…

Se ti venisse offerto un servizio di promozione del tuo libro, cosa vorresti che fosse? La mia casa editrice si occupa di tutto

Oltre alla te scrittrice c’è un’altra forma d’arte che ti ispira? Suoni, dipingi…? Gioco a pallone

Hai un blog? Se sì ti va di dirci dove e di cosa tratta? Lo avevo, ne avevo due

Sei un rilettore di bozze/editor/revisore? No, mi basta il mio editor di fiducia

E-book o Cartaceo? Il libro è carta. Poi, per comodità, si fa anche l’ebook, ma non c’è a mio avviso paragone

Su cosa sei solita scrivere? Carta e penna

Hai qualche rito particolare che fai prima di iniziare a scrivere, ad esempio ascolti della musica? No, per nulla. Silenzio assoluto

Come è nata la cover? Grazie a Livia De Simone, l’illustratrice della DZ Edizioni e grazie alla testardaggine di Francesca Pace, è arrivata la cover. E avevano ragione loro…

Ti va di regalarci qualche notizia sulla tua prossima pubblicazione? Quando ci sarà ve lo dirò, promesso, voi seguite Dark Zone il Gruppo per rimanere aggiornati!

Condividi con noi una frase, che convinca anche il lettore più reticente ad acquistare il tuo libro….

Una volta, le emozioni trasudavano dalla pelle, da un sorriso atteso per ore, giorni, addirittura settimane.

Erano mani che si cercavano, stringendosi spesso in silenzio e di nascosto.

Era pelle che si sfiorava furtiva per asciugare una lacrima

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

IL MONDO DEGLI M/M BLOG

Crederci sempre, arrendersi mai.

Il gufo pensieroso

servizi editoriali

AntonellaP❤

"E se la vita corre allora corro anch'io fino a che mi fermerà un giorno qualche dio"

Heartagram Faith

In HIM we Trust

luisadautoremm

Credi sempre in te stesso, non arrenderti mai!

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

Selvaggia Scocciata

Mi interesso spesso e mi annoio subito.

Il Sole Nascosto

Parole e musica oltre le nubi dei pensieri

PENSIERI LOQUACI

leggi, potrai solo migliorarti..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: